Casa Italo


  • Casa Italo Esterno
  • Casa Italo Esterno 1
  • Ingresso Casa Italo
  • Cucina Casa Italo
  • Cucina Casa Italo 1
  • Soggiorno Casa Italo
  • Camera da letto Casa Italo

 

CASA ITALO

Minialloggio per l’autonomia


 

IL PROGETTO

Il progetto di convivenza assistita CASA ITALO, alla memoria di Italo Fumagalli, grande sostenitore del G.S. I Bindun, è rivolto a persone che abbiano completato il percorso riabilitativo residenziale nella rete delle strutture per la disabilità del territorio o che, più in generale, abbiano raggiunto un sufficiente livello di autosufficienza tale da sviluppare un progetto di vita autonoma al di fuori dalla famiglia (Dopo di noi). Il progetto prevede la gestione di un piccolo appartamento in cui due persone sperimentano una convivenza autonoma ma nel contempo supportata e supervisionata da personale qualificato.


 

LE FINALITA’

CASA ITALO è un servizio residenziale che consente di sviluppare concreti progetti di vita e di inclusione sociale, con la finalità di accompagnare la persona alla residenzialità autonoma, promuovendone la dignità e migliorandone la qualità di vita. Si intende in questo modo favorire l’emancipazione della persona fragile dalla famiglia, con la quale potersi ancora confrontare per progettare insieme e per tempo il percorso di vita dei figli, evitando soluzioni affrettate e legate all’urgenza. In tal modo è possibile organizzare una risposta che tenga conto delle esigenze della persona in modo rispettoso ed equilibrato ed al contempo consentire ai famigliari di elaborare con strumenti adeguati un distacco faticoso ma necessario.


 

GLI OBIETTIVI

  • Promuovere l’autonomia personale e sociale delle persone, per consentire una vita ed una situazione abitativa più autonoma
  • Sviluppare la capacità di vivere con gli altri, promuovendo lo scambio, la socializzazione, l’aiuto reciproco e la capacità di gestione dei conflitti
  • Favorire percorsi di reale inclusione sociale, attraverso la promozione di una rete sociale di volontariato a livello territoriale.


 

A CHI E’ RIVOLTO

La soluzione del minialloggio è riservata a 2 persone che presentano deficit intellettivo o relazionale, segnalate dai Servizi competenti, che presentano un sufficiente grado di autonomia personale


 

LE ATTIVITA’ PREVISTE

Le attività che si svolgono sono finalizzate all’acquisizione di autonomie nello svolgimento delle attività domestiche e nella cura della propria persona, nella gestione delle relazioni, del tempo libero e dei rapporti sociali, nell’utilizzo dei servizi pubblici, sociali e sanitari.
Con ciascun ospite viene definito un progetto di vita che tenga conto dei bisogni specifici e delle risorse personali, in accordo con i famigliari e gli amministratori di sostegno. Sono favoriti, da parte del personale dedicato al progetto e delle risorse della rete sociale, percorsi di reale inclusione, di socializzazione e di autonomia. Alcuni aspetti della vita quotidiana (gestione dei pasti, regole di convivenza e di utilizzo degli spazi comuni) sono definite in base alle esigenze di ciascuno e codificate attraverso un regolamento condiviso.


 

LA CASA

L’appartamento si trova a Rodero (Co) all’interno di un cortile ed è composto da soggiorno, cucina abitabile, camera a due letti, 1 bagno. La Casa è adiacente alla Comunità alloggio CASA DI MIRO, collegata quindi ad un servizio di assistenza continua che garantisce un’adeguata sicurezza nel pieno rispetto dell’autonomia


 

IL PERSONALE

Viene costituita un’equipe professionale formata da 2 educatori (di cui 1 coordinatore) e 1 operatore sociosanitario, presenti in alcune ore diurne e serali. In qualsiasi momento del giorno e della notte è prevista una reperibilità educativa garantita dal personale dell’adiacente Comunità e che garantisce un intervento immediato su necessità particolari. E’ prevista anche una reperibilità infermieristica nelle 24 ore. Per interventi ordinari di tipo sanitario viene mantenuto il contatto con il Medico di Medicina Generale di riferimento.


Prossimi Eventi

Tutti gli Eventi

In Evidenza